Recensioni

 

 

domenica 22 luglio 2012 – PROVINCIA – Pagina 33

SAN GIOVANNI LUPATOTO. Fino a mezzanotte

Domani galà lirico con il coro Marcelliano

Il concerto richiama moltissimo pubblico e i posti a sedere saranno disposti sulla strada

Traffico bloccato sulla via principale del paese domani dalle 18 a mezzanotte per l´ormai tradizionale appuntamento con il concerto offerto dal coro Marcelliano Marcello.
Il galà lirico si terrà sul sagrato della chiesa di San Giovanni Battista e i posti per il pubblico, oltre un migliaio, occuperanno la sede stradale.
La qualità della proposta artistica ha fatto di questo concerto un appuntamento irrinunciabile per moltissimi appassionati lupatotini e dell´intera provincia.
Il successo si deve soprattutto alla continua crescita della capacità canora del coro che opera sotto la guida della maestra Daniela Candiotto. L´attività del coro, presente in paese da oltre vent´anni, ha ridestato l´interesse per il canto e per il repertorio lirico e sacro, raggiungendo anche un pubblico giovane.
Il coro è innanzitutto una scuola permanente di canto, tecnica vocale e respiratoria. Su questa via il percorso verso il superamento dei propri limiti, vincendo scoraggiamenti e difficoltà, rende l´esperienza artistica altamente formativa, sviluppando costanza e fiducia nei propri talenti ed in quelli degli altri.
Tra i protagonisti della serata, oltre al coro, l´orchestra Accademia delle Muse e vari solisti tra cui il soprano Alice Sunseri e il mezzosoprano Elena Serra. Si esibiranno anche i solisti del coro Anna Zecchini (mezzosoprano), Stefano Freddo (tenore), Giuseppe Zanchetta (basso). In scena l´attore Mario Riccardo Migliara e il pittore-scenografo Maurizio Zanolli. Conductor e pianista: Daniela Candiotto. Verranno proposti brani di C. Gluck, G. Verdi, J. Offenbach, W.A. Mozart. In caso di maltempo il concerto si terrà nella chiesa di San Giovanni Battista. R.G.

 

articolo tratto da IL SENTIERO mensile di San Giovanni Lupatoto - n.1 gennaio 2012
articolo tratto da IL SENTIERO mensile di San Giovanni Lupatoto - n.1 gennaio 2012
articolo tratto da IL NUOVO LUPO - mensile di San Giovanni Lupatoto - anno XV numero 1 - gennaio 2012 - pag. 20
articolo tratto da IL NUOVO LUPO - mensile di San Giovanni Lupatoto - anno XV numero 1 - gennaio 2012 - pag. 20
articolo tratto da IL SENTIERO - mensile di San Giovanni Lupatoto - dicembre 2011
articolo tratto da IL SENTIERO - mensile di San Giovanni Lupatoto - dicembre 2011

L'Arena IL GIORNALE DI VERONA

lunedì 07 novembre 2011 SPETTACOLI, pagina 58

 

SOCIETÀ DANTE ALIGHIERI.

La lirica e i brani popolari a san procolo

Il Risorgimento fatto dall´opera
Struggente la Canzone del Piave

Il Comitato veronese della Società Dante Alighieri ha celebrato la festa della Unità d´Italia con un concerto a san procolo per soli e coro, trovando una forte rispondenza di pubblico, nonostante l´insolito orario. Ottimo il mix delle proposte musicali, con brani popolari dell´operismo risorgimentale e altri più desueti.
Fra i solisti va messa in rilevanza l´eccezionale presenza del baritono Alberto Mastromarino (prossimo interprete del Falstaff e di Pagliacci al Filarmonico), che, dopo aver duettato con Gianluca Breda nell´eroica pagina del Suoni la Tromba da I Puritani, si è dedicato alla struggente e partecipata Canzone del Piave. Una vera chicca è stata la successiva proposta dell´Inno di Mameli, eseguito in maniera filologica, ossia collocato nel tempo e nella tradizione musicale in cui è stato composto, con solista e coro.
Al tenore Antonello Ceron è toccato il Sì fui soldato, dall´Andrea Chénier: voce potente, scura, rotonda nei centri e sfacciatamente squillante negli acuti. Di grana sicuramente meno maschia, ma di grande espressività e fraseggio è stata la prova dell´altro tenore Cristian Ricci, esecutore di un Foresto (dall´Attila) poeticamente innamorato e di grande patriottismo, nonché di un intenso McDuff (Macbeth) cesellato con sicura vocalità e ricchezza di intenzioni.
Il basso Gianluca Breda - il più impegnato nel concerto - ha aperto lo spettacolo con la cavatina da I Vespri Siciliani, approcciata con malinconica cantabilità e con l´invettiva di Zaccaria, dopo il Va´ Pensiero del coro.
Sul versante femminile ha impressionato la facilità e la precisione del soprano Francesca Micarelli, alle prese con un´aria da La Battaglia di Legnano, eseguita magistralmente e con un registro acuto di vero rilievo. Interventi anche di Jung Mi Lee, soprano coreana, che ha proposto un´aria scritta durante le Cinque Giornate di Milano e di Paolo Buttol impegnato nel cameo di Papa Leone all´incontro con Attila.
Grande protagonista della serata, il coro Marcelliano Marcello di san Giovanni Lupatoto, ottimamente districatosi nel variegato programma proposto, a partire dall´eroico Si Ridesti il Leon di Castiglia (Ernani), per continuare con Macbeth, Nabucco e Attila.
Daniela Candiotto, cui si deve la preparazione del coro, ha accompagnato al pianoforte con puntualità, rigore e partecipazione, docile nell´assecondare le precise intenzioni musicali che il concertatore Franco Silvestri ha richiesto a solisti e coro. Alla fine grandi applausi e richieste di bis: il commovente e poetico Stellato Soglio dal Mosè di Rossini. G.V.

L'Arena IL GIORNALE DI VERONA

venerdì 04 novembre 2011 SPETTACOLI, pagina 51

 

Società Dante Alighieri
concerto vocale

 

Questa sera alle 19,30 nella chiesa di san procolo (vicino a san Zeno) si terrà il concerto vocale promosso dal comitato di Verona della Società Dante Alighieri. Accompagnati al pianoforte da Daniela Candiotto, vi parteciperanno i cantanti, Alberto Mastromarino, Cristian Ricci, Antonello Ceron, Francesca Micarelli, Gianluca Breda, Yung My Chung e il Coro Marcelliano Marcello.
Di Verdi saranno interpretati O Signor che dal tetto natio da I Lombardi alla prima crociata; O tu Palermo (dai Vespri Siciliani), Patria oppressa, Ah paterna mano e La Patria tradita (da Macbeth), Voi lo diceste amici (da La battaglia di Legnano), Finale atto primo (dall´Attila), O tu che in seno agli angeli (da Forza del destino), Si ridesti il Leon di Castiglia (da Ernani) e Va pensiero e Ah chi piange (da Nabucco) e brani da I puritani di Bellini e da In memoria delle 5 giornate di Milano di Zerbi, Italiani è finito il servaggio di Rossini; La canzone del Piave e l´Inno nazionale.G.V.

 

L'Arena IL GIORNALE DI VERONA

mercoledì 02 novembre 2011 – SPETTACOLI – Pagina 44
SOCIETÀ DANTE ALIGHIERI. Venerdì concerto
Chiesa di San Procolo
il canto degli italiani
Pagine di Verdi, Bellini Zerbi e Rossini In chiusura la Canzone del Piave e l´inno nazionale

Per venerdì sera alle 19,30 il comitato di Verona della Società Dante Alighieri ha organizzato un concerto vocale nella chiesa di San Procolo, di fianco alla basilica di San Zeno. L´evento celebrerà il 150° dell´unità d´Italia con l´unico linguaggio che, al di là del tempo, parli al cuore di ciascuno di noi: il canto degli italiani nel lungo viaggio verso l´unità, sulle note di Verdi fino all´inno nazionale.
Accompagnati al pianoforte da Daniela Candiotto, parteciperanno i cantanti, Alberto Mastromarino, Cristian Ricci, Antonello Ceron, Francesca Micarelli, Gianluca Breda, Yung My Chung e il Coro Marcelliano Marcello di San Giovanni Lupatoto.
In programma O Signor che dal tetto natio da I Lombardi alla prima crociata di Verdi; O tu Palermo da Vespri Siciliani di Verdi; Patria oppressa, Ah paterna mano e La Patria tradita da Macbeth di! Verdi; Il Rival Salvar Dovrai/Suoni la Tromba e Intrepido da I puritani di Bellini; Voi lo diceste amici da La battaglia di Legnano di Verdi; Ella in poter del barbaro e Finale atto primo dall´Attila di Verdi.
Si proseguirà con O tu che in seno agli angeli dalla Forza del destino di Verdi; La Lega Lombarda da In memoria delle cinque giornate di Milano di Zerbi; Si ridesti il Leon di Castiglia da Ernani di Verdi; Va pensiero e Ah chi piange da Nabucco di Verdi; Italiani è finito il servaggio di Rossini; La Canzone del Piave e in chiusura l´Inno nazionale.
Il concerto sarà preceduto dal convegno «La Commedia tra arti e new media» che si svolgerà alle 15 nella Sala Zanotto dell´abazia di San Zeno, presieduto dall´avvocato Gianni Fontana, presidente della Società Dante Alighieri di Verona. ! G.V.

L'Arena IL GIORNALE DI VERONA

martedì 01 novembre 2011 – SPETTACOLI – Pagina 48
DANTE ALIGHIERI. Venerdì e sabato iniziative culturali nei 150 anni dall´Unità d´Italia
Da Mameli al Piave tutti gli inni
Patriottismo in musica al concerto in San Procolo Conferenza per docenti e incontro su lingua e storia
Per l´annuale appuntamento con la Giornata della Dante Alighieri, il comitato veronese della società che promuove lingua e civiltà italiana ha organizzato iniziative culturali, tutte a ingresso libero, che si svolgeranno venerdì e sabato in città. I temi sono stati scelti con attenzione, oltre alla presenza storica di Dante a Verona, alle celebrazioni per i 150 anni dell´unità d´Italia.
Venerdì alle 15 nel chiostro dell´abbazia di San Zeno (sala Zanotto) convegno «La Commedia tra arti e new media», in collaborazione con l´ufficio scolastico regionale del Veneto, di particolare interesse per i professori: interpretazioni artistiche suggerite dal capolavoro dantesco, attraverso sperimentazioni di successo. Parleranno Licia Landi (Commedia al cinema), Livia Andrigo (la recita Siamo i ragazzi di Dante!), Cinzia Spingola (Narrare la morte: Dante e gli altri), Laura Forcella (Dalla Commedia al booktrail! er), Carlida Steffan (Commedia e musica) e Stefano Quaglia (Dante insegna l´italiano). Sempre venerdì, alle 19,30 nella chiesa di San Procolo (a fianco della basilica di San Zeno), concerto per il 150° dell´Unità d´Italia, dedicato agli inni del patriottismo, dal «Va Pensiero» del Nabucco verdiano alla Canzone del Piave e all´Inno di Mameli, attraverso il repertorio operistico e popolare. Introduzione di Francesco Aloisi de Larderel. Coro Marcelliano Marcello di San Giovanni Lupatoto, direttore Daniela Candiotto: solisti Francesca Micarelli, Chung Me, Christian Ricci, Antonello Ceron, Alberto Mastromarino, Gianluca Breda, Paolo Buttol, direttore Franco Silvestri.
Sabato alle 10 alla Loggia di fra´ Giocondo in piazza dei Signori, conferenza «Verona per Dante». Aldo Costantini dell´Università di Venezia parlerà su «Il nodo della lingua negli anni dell´esilio: il progetto non realizzato del De vulgari eloquentia». Nella produzione dantesca il De vulgari eloquentia è il libro che forse meglio di ogni altro traduce in forme letterarie le angosce dei primi anni dell´esilio più spiccatamente marcati dalla convinzione dell´ingiustizia patita e della tenace volontà di porvi rimedio. Giuliana Nuvoli rievocherà il destino di Dante che lasciata Firenze, «la perfida noverca», trova degno asilo in Verona, «primo ostello», i cui signori, Bartolomeo prima e Cangrande dopo, sembrano dar vita a un ordine culturale e civile diverso. Ma l´invidia dei cortigiani (come già per Pier delle Vigne e Romeo di Villanova) e il riaccendersi della violenza allontanarono Dante, che a Verona desiderò invano tornare l´anno prima di morire. Davide Rossi, infine, partendo dall´esule Dante rifletterà sul destino dei tanti esiliati nel mondo raccontando la storia dei Giuliano-Dalmati alla fine del secondo conflitto mondiale.

Dal mensile IL SENTIERO numero di novembre 2011 pag. 51

 

MARCELLIANO MARCELLO

INTERNATIONAL CHORUS

 

Un’altra delle innumerevoli occasioni concertistiche accadute in quest’anno del 25° è stata la serata di inaugurazione del “Congresso Internazionale di Terapia Impiantare”, con tema “L’estetica implantare nell’era digitale”.

La sera di venerdì 7 ottobre u.s. il coro lirico lupatotino “Marcelliano Marcello”, selezionato già in aprile, ha tenuto presso l’auditorium alla Gran Guardia di Verona un prestigioso concerto lirico. Una platea gremita di partecipanti al congresso, giunti dai cinque continenti, ha gustato e apprezzato l’esecuzione sempre impeccabile della compagine lupatotina accompagnata al pianoforte dal Conductor Daniela Candiotto.

Hanno partecipato al concerto il soprano Nadia Vezzù, nostra concittadina, che ancora una volta ha mostrato le sue doti di cantante areniana e il tenore Orfeo Zanetti, pure con grande qualità vocale.

La scenografia live è stata realizzata dal pittore e scultore Maurizio Zanolli.

Il responsabile dell’organizzazione, dopo l’esecuzione di parecchi bis, rivolgendosi agli artisti ringraziava con: avete fatto onore a Verona nel mondo.

Un doveroso riconoscimento al corista Andrea Rizzi che ha presentato il curriculum del coro e i brani della serata in inglese, lingua ufficiale del congresso.

 

E. Barbi

articolo da IL SENTIERO settembre 2011
articolo da IL SENTIERO settembre 2011

L'Arena - IL GIORNALE DI VERONA
Mercoledì 27 Luglio 2011 PROVINCIA Pagina 25


SAN GIOVANNI LUPATOTO. Ben 1.500 persone

Pienone sul sagrato per il coro «Marcello»

 Applausi convinti del pubblico al coro Marcelliano Marcello per la sua esibizione nel tradizionale appuntamento (era la 13a edizione) con il concerto lirico estivo svoltosi lunedì sera sul sagrato della chiesa di San Giovanni Battista. Circa 1.500 persone hanno assistito al concerto del coro lupatotino diretto dalla maestra Daniela Candiotto, trasformando lo spettacolo canoro in una specie di festa popolare.
I battimani si sono succeduti all'indirizzo sia del coro sia del quintetto «Athesis-Accademia delle Muse» con primo violino Eleonora Rotarescu. Applausi a scena aperta anche per i solisti: il soprano Nadia Vezzù, il tenore Enzo Di Nocera e il baritono Nicolò Rigano. Il programma ha visto l'esecuzione di brani scelti dalle opere Ernani, Attila, I Lombardi alla Prima Crociata, Norma e i Vespri Siciliani. Emozion! ante l'esecuzione del Nabucco.
Il coro lirico Marcelliano Marcello (la compagine porta il nome del librettista lupatotino dei primi dell'Ottocento), come ha ricordato a fine concerto il presidente Salvatore Mainente è attivo a San Giovanni Lupatoto da 25 anni e si caratterizza per la sua attività di scuola permanente di canto e di tecnica vocale che lo ha portato ad esibirsi in Italia e in vari Paesi d'Europa.

L'Arena - IL GIORNALE DI VERONA

Sabato 18 Giugno 2011 PROVINCIA Pagina 32

TORRI. Questa sera - Un concerto sul veliero per i 150 anni di Italia unita

Un concerto suggestivo, realizzato suonando sull'antico veliero «Siora Veronica», ormeggiato nel porto di Torri per festeggiare con la lirica i 150 anni della Unità d'Italia. È l'iniziativa della Pro loco per rendere omaggio allo storico anniversario. E così, stasera dalle 21, il porto di Torri, da sempre «salotto buono del paese», si trasformerà in un auditorium a cielo aperto.
Negli anni passati iniziative simili avevano lasciato a bocca aperta centinaia e centinaia di ospiti, turisti e residenti, che avevano preso d'assalto le sedie dislocate per l'occasione lungo il perimetro del porto fino all'imbocco. Il tutto, grazie alla collaborazione di pescatori e diportisti che si prestano a spostare i propri scafi per lasciare spazio alla maestosa imbarcazione. Solitamente l'imbocco del porto viene ! tappezzato di candele e lumini.
Ad esibirsi, stasera, sarà il «Coro Lirico Marcelliano Marcello» con Daniela Candiotto al pianoforte. Tra i brani non dovrebbe mancare l'inno di Mameli, cantato da un coro dislocato sulla «Siora Veronica».G.M.

 

* * *

 

L'Arena - IL GIORNALE DI VERONA

Sabato 18 Giugno 2011 SPETTACOLI Pagina 51

TORRI. Questa sera. È il 25° anno di attività

Il coro lirico Marcello nella piazza del porto

Comincia questa sera alle 22, in piazza al porto di Torri del Benaco, la lunga stagione concertistica estiva dell'Accademia delle Muse e del coro lirico Marcelliano Marcello di San Giovanni Lupatoto che festeggia così il 25° della sua istituzione.
Accompagnati al pianoforte e dalla direzione del maestro Daniela Candiotto, ne saranno interpreti, oltre al coro, i soprani Nadia Vezzù, Alisa Katrochi e Andrea Ferreira, i tenori Cristian Ricci ed Enzo di Nocera, il quintetto Athesis - Accademia delle Muse, con il primo violino Eleonora Rotarescu, l'attore Mario Migliora.
Nel concerto di Torri saranno interpretati brani dalle opere Attila, Ernani, I Lombardi alla prima crociata, Nabucco, Norma e Vespri Siciliani.
La stagione continuerà venerdì 1 luglio alla Corte Cipriani di Rivalta di Brentino Bellunese, lu! nedì 18 luglio a Bussolengo in piazza XXVI Aprile, sul sagrato della chiesa parrocchiale di San Giovanni Lupatoto lunedì 25 luglio.
La conclusione sabato 20 agosto nella piazza centrale di Lazise. G.V.

 

 

Articolo tratto da “Verona Manager”

Gennaio febbraio 2011 – pag. 61 – Società & Cultura

 

http://www.confindustria.vr.it/confindustria/verona/istituzionale.nsf/($linkacross)/81FBBD2467717221C12578530054F4B4?opendocument

 

Coro lirico “Marcelliano Marcello”

Dopo i grandi successi estivi, con concerti lirici eseguiti in

molte località della provincia e nella prestigiosa “Sala Maffeiana”

del Teatro Filarmonico di Verona (nella foto), il coro lirico

“Marcelliano Marcello” si è presentato alla comunità lupatotina

con il tradizionale appuntamento di Natale. Il proposito di

offrire agli ascoltatori un programma di alto livello è stato

mantenuto. Sono state eseguite partiture sacre di A.Vivaldi e

di G. Rossini. La bellezza e la maestosità di queste composizioni

è stata tale da entusiasmare anche chi si avvicinava per

la prima volta al classico. Il programma prevedeva inoltre l’esecuzione

di alcuni brani tratti dal repertorio classico natalizio.

Il coro lirico “Marcelliano Marcello”, scuola permanente

di canto e tecnica vocale, è sempre alla ricerca di nuove voci

da inserire nel proprio organico. Per il 25° anno di fondazione

sono in programma numerose manifestazione per festeggiare

degnamente l’evento. Per contatti: corom.marcello@libero.it -

www.coromarcellianomarcello.jimdo.com _

 

 

 

 

P.I. 03332210230